• RSS

giovedì 22 ottobre 2009

Da oggi in libreria:

Oggi è uscito Il seme del male, primo romanzo della nostra Joanne Harris, pubblicatoper la prima volta in italiano.

Da oggi si aggiunge quindi una nuova scheda nella pagina Garzanti della nostra amata scrittrice.

Qui, invece, trovate la pagina riservata da IBS al nuovo libro.

Mi raccomando, acquistatelo in tanti!

Blog portoghese dedicato a Joanne Harris

Da oggi siamo affiliati ad un bel blog portoghese dedicato alla nostra Joanne Harris, perché i suoi fan sono sparsi per tutto il mondo.
Chi sa il portoghese, ma anche chi non lo sa ma è curioso di dare unocchiata, vada a visitare il blog di Rita.

martedì 20 ottobre 2009

Manca davvero poco...

Ormai manca davvero poco... secondo laFeltrinelli, infatti, l'uscita de Il seme del male è prevista per giovedì 22 ottobre. Tutto tace da parte di Garzanti, ma non manca molto per verificare l'esattezza del sito Feltrinelliano.

venerdì 25 settembre 2009

Al lavoro su Runelight

Notizie anche su Runelight, seguito de Le parole segrete, arrivano dal sito della Harris. Joanne rivela infatti che sta lavorando duramente al nuovo capitolo della sua storia fantasy, e ci fa inoltre sapere che ad Halloween posterà sul sito una parte del primo capitolo del libro, giusto un assaggino per tutti quelli che non riescono proprio ad aspettare.

Se cliccate qui, poi, verrete magicamente proiettati nella sezione 'runeshapes and fingerings' del sito della scrittrice. In questo spazio tutto nuovo troverete le foto di come eseguire le rune con le mani, proprio come Maddy, e qualche spiegazione in inglese.

giovedì 24 settembre 2009

Blueeyedboy esiste...

... almeno in rete.

Come afferma Joanne sul suo sito web, sono appena finiti gli ultimi ritocchi al nuovo romanzo di cui si prevede l'uscita in madrepatria in primavera 2010, ma il dipartimento marketing della sua casa editrice si sta già preparando per i lancio. Ebbene, forse questo è marketing anticipato ma... Joanne ha aperto il MySpace di Blueeyedboy e come afferma lei stessa:

"Blueeyedboy ha ora un su MySpace personale. Per quanto ne so, questa è la prima volta che uno dei miei personaggi arriva alla vita fino a questo punto, e non sono sicura di essere completamente a mio agio con quest'idea! Lo troverete piuttosto imprevedibile, e mi scuso in anticipo se dirà o farà qualcosa che può turbarvi!"

Se volete diventare amici del misterioso, e forse pericoloso, protagonista del prossimo romanzo della Harris, cliccate qui.

mercoledì 23 settembre 2009

Il ragazzo con gli occhi blu

una selezione di copertine proposte

Trama:

Blu non è più un bambino cattivo. Ora è un uomo di quarant’anni. Lavora come portiere in un ospedale e vive ancora insieme alla madre in un paese dello Yorkshire. Un’esistenza ordinaria, all’apparenza un po’ monotona. Una vita molto diversa da quella che l’uomo conduce nel mondo virtuale. Blu ha un blog su un sito chiamato “badguysrock”, una community che ha fondato lui stesso, dedicata a tutte le persone cattive. Su internet dà sfogo ai suoi desideri più nascosti, confessa ossessioni di morte, racconta la sua infanzia, quella di un bambino pericolosamente affascinato dal male. Pensieri oscuri che girano attorno a una terribile fantasia, quella di uccidere sua madre. Una donna dura, con cui ha sempre avuto un rapporto carico di misteri. Ma cosa è vero e cosa non lo è? Qual è il confine tra realtà e mondo virtuale? Blu era realmente un bambino malvagio o semplicemente si inventava tutto? Forse l’inquietante Albertine, che condivide con Blu un agghiacciante segreto, lo sa. O forse no. Una cosa è certa: Blu non è quello che sembra. E mentre post dopo post le parole si fanno sempre più sinistre, la violenza cresce pericolosamente. C’è un solo modo per fermarla: scavare nel vero passato di Blu, un passato oscuro, un passato di rivalità e menzogne, il passato di un bambino incompreso, dotato di una sensibilità straordinaria. Fino a svelare il cuore malato di una famiglia profondamente disturbata. Solo così emergeranno le ragioni di un omicidio vecchio di vent’anni…


Dal sito di Joanne Harris:

"Alcuni libri sono abbastanza facili da scrivere. Altri sono invece più difficili. E alcuni sono come i cubi di Rubik, un'accozzaglia di colori che girano e si torcono con nessuna apparente soluzione in vista. Il ragazzo con gli occhi blu non era un cubo di Rubik ma piuttosto il diabolico puzzle-box cinese nel film Hellraiser di Clive Barker, la scatola che convocava i demoni. Per lo meno, questo è quello che mi sembrava, e se alcuni di quei demoni avessero deciso di strisciare dentro le pagine di questo libro, beh, non potrei dire di esserne davvero sorpresa.
Lo cominciai tre anni fa, con nient'altro che frammenti di trama e la voce del mio narratore a guidarmi. Ho attraversato momenti problematici e la mia indole solare ha preso qualche colpo. Mi sono trovata a non voler scrivere e ho speso molto tempo online, gironzolando per vari siti e cercando modi sempre più ingegnosi per evadere la realtà. Sotto pseudonimo mi sono fatta degli amici online, ho scritto molte storie e iniziato ad avere un interesse sempre maggiore per la maniera in cui le persone interagiscono online, le comunità che creano e a cui partecipano, e la maniera in cui scelgono di ritrarre se stessi. Ho iniziato a capire che le piccole comunità sempre presenti nella mia scrittura esistono anche nel mondo virtuale, con le stesse piccole cricche di membri: outsider, pettegoli, bugiardi, esibizionisti e bulli, proprio come nel mondo 'reale'. Ho capito anche quanto emotivamente dipendente dai suoi amici virtuali e dalla sua comunità la gente può diventare, anche se non ci sono mezzi per comprendere quanto oneste possano essere queste vie di comunicazione.

Da tutto questo uscì Il ragazzo con gli occhi blu, un thriller psicologico dark ambientato nel mondo di internet, dove nessuno è realmente quello che sembra, e dove ogni gusto è soddisfatto, anche quelli che non oseremmo confessare.

Il mio eroe - B.B., o Blueeyedboy - è un uomo all'inizio dei quarant'anni che continua a vivere con sua madre, riguardo la quale coltiva fantasie omicide che traduce in storie che posta su di un sito web chiamato badguysrock. Questa comunità virtuale creata da Blueeyedboy ha come proposito quello di celebrare i cattivi delle storie ovunque, e attraverso questo mezzo si mantiene in contatto con i suoi amici online, alcuni dei quali sono da lui conosciuti anche nella vita reale, in particolare Albertine, con la quale ha condiviso un passato difficile. Ma Blueeyedboy, come Albertine, non è esattamente come sembra. Mentre si districano gli eventi di questo passato: la relazione tortuosa con la madre, la faida coi due fratelli e i dettagli della sua vita segreta, noi scopriamo la verità riguardo il passato di Blueeyedboy e un assassinio di 20 anni prima..."


D: E' dark, non credi? E potrei dire... che fa venire i brividi?
R: Che fa venire i brividi è corretto. Mi piace. E sì, questa è una storia davvero dark, anche se io la vedo principalmente come una commedia nera, non da prendere completamente sul serio.

D: Oh! Quindi non è un giallo?
R: Non esattamente. Per la maggiorparte del tempo in cui l'ho scritto, non ero sicura di cosa stessi creando, o chi. Lo vedo ora - come con La scuola dei desideri, di cui è un parente stretto - come una sorta di assassinio/mistery con nessun detective, nessun crimine apparente e una coppia di narratori piuttosto inaffidabili ... Joanne Harris con qualcosa in più, di insolito.

D: Di insolito? E come! L'avevi programmato tutto prima?
R: In realtà, no. Avevo buttato giù qualche idea all'inizio, ma la rivelazione principale, la iella, mi ha sorpresa tanto quanto chiunque altro. Sono dovuta tornare indietro e riscrivere mezzo libro per aggiustare quello che avevo già tirato fuori...

D: La struttura narrativa è abbastanza inusuale. Cosa ti ha fatto venir voglia di scrivere un romanzo in questo modo?
R: La maggiorparte dei miei libri ha più narratori in prima persona, ma questa è una ripresa moderna del romanzo epistolare, nel quale tutti i capitoli prendono la forma di post in un blog chiamato WebJournal. Ogni post specifica un umore e una colonna sonora e i post pubblici hanno un box per i commenti, alla fine. Alcuni di questi post sono pubblici, quindi aperti a tutti, altri sono riservati, o privati. Volevo dare a entrambi i miei narratori la libertà di scegliere sia cosa dire che quando dirla, e a chi, e volevo esplorare i diversi modi in cui presentiamo noi stessi a pubblici differenti e in differenti circostanze. L'occultamento di informazioni online non solo è accettabile, ma spesso è scontato; internet è un mezzo in cui verità sconvenienti posso essere esonerate (disabilità, stato civile, ...) e dove uno è capace di condividere solo le cose di se stesso che uno ha consapevolmente deciso di condividere.

D: Io sono una principiante coi computer. Quanta di questa roba tecnologica ho bisogno di conoscere?
R: Niente di niente, davvero. Il gergo è minimo, e tutto va da sé, ad ogni modo. La chimica delle piccole comunità è essenzialmente la stessa ovunque, sia questa un paesino francese, un'isola, una scuola o una comunità web...

D: Raccontaci del protagonista. E' cattivo, o no?
R: Questa è una domanda difficile a cui dare una risposta. Come Snyde ne La scuola dei desideri, B.B. è un personaggio difficile da definire con precisione. Subdolo, cinico e coscientemente crudele, lui è interiormente scorretto - uno potrebbe dire un carattere immorale - e comunque mi piace (cosa questo dica di me, preferisco non pensarlo). Lui è il prodotto di un ambiente terrificante, di una madre dispotica e di un'educazione imperfetta. A 42 anni compiuti continua a vivere in casa, custode di un ospedale locale, odia se stesso, odia la sua vita e, ancora, trattiene il suo senso dell'umorismo e ricrea se stesso online come la persona che vorrebbe essere, invece che il perdente nato che in realtà è. Lui abita in una sorta di mondo fantastico che occasionalmente erutta nella vita reale, con conseguenze imprevedibili. E, ancora, è profondamente vulnerabile, sia questo il B.B. 'reale', o quello che invece sta usando la sua vulnerabilità come un mezzo per raggiungere un fine; è davvero difficile dirlo, alla fine. Lui è, penso, il personaggio più complesso che io abbia mai creato, e forse il più difficile da comprendere. Forse è per questo che mi piace così tanto, e perché la sua voce è stata così facile per me...

D: E riguardo al tuo secondo narratore, Albertine?
R: Albertine, come B.B., è un personaggio ambiguo e piuttosto 'danneggiato'. Marcata dal suo passato turbolento, lei si nasconde dietro una facciata intricata, rivelando i suoi veri sentimenti solo sul suo blog privato. La sua relazione di amore/odio con B.B. è basata su un'esperienza condivisa e su una sorta di terribile fascino. Lei lo conosce meglio di chiunque altro e il filo che li lega assieme l'ha impossibilitata a trovare una relazione significativa e onesta con qualcun'altro. Come B.B., sogna di fuggire dalla sua vita, ma invece trova se stessa annegata in un gioco anche più tortuoso, fatto di inganno e manipolazione emotiva.

D: L'identità, sia reale che falsa, è un tuo tema ricorrente. Come esplora il concetto questo l'ibro?
R: Molti dei personaggi dei miei libri hanno problemi con la loro identità. In alcuni casi, come quello di Vianne e Anouk Rocher, abbiamo qualcuno che cerca disperatamente di creare un'identità per se stesso in un mondo che sembra negar loro questa possibilità. In altri, vediamo qualcuno prendere l'identità di quacun'altro: Snyde in La scuola dei desideri, LeMerle in La donna alata, Zozie in Le scarpe rosse. Il ragazzo con gli occhi blu va oltre, poiché B.B. ha scelto di creare non solo un'identità alternativa, ma un'intera esistenza alternativa, passato e presente, progettato non solo per 'fregare' gli altri, ma anche se stesso. Infatti, in questo libro nessuno è come appare; le identità sono intercambiabili e possono essere assunte o messe da parte quando necessario. E' un riflesso di come le cose stanno andando, penso, un commento sulla natura della percezione e della realtà. In questa storia, come nella vita, la domanda più dificile a cui dare una risposta sincera sarà sempre: chi sono io?

D: La sinestesia gioca un ruolo importante qui. C'è qualcosa che hai sperimentato tu stessa?
R: Ho sempre associato certi colori a dei gusti o a degli odori. Non sono sicura se questo mi rende una sinesteta oppure no, ma ha reso più facile, per me, identificarmi con i personaggi del libro. In oltre volevo esplorare l'idea che quello che una persona sente quando incontra una serie di stimoli può, a volte, differire completamente da cosa qualcun'altro può sperimentare in circostanze identiche.

D: C'è molta musica in questo libro. Riflette il tuo gusto personale?
R: Assolutamente. B.B. e io abbiamo molto in comune, incluse molte delle nostre influenze musicali. Siccome uno dei miei personaggi è cieco, ho voluto introdurre una dimensione visuale minore di quella che uso solitamente, e focalizzarmi su altri aspetti della percezione, come odori, gusti e suoni. Ho trovato tutto questo molto più duro di quanto mi aspettassi! Per compensare l'assenza di una referenza visuale, in alcune parti del romanzo mi sono soffermata maggiormente nella colonna sonora del libro; come B.B., raramente stacco la spina del mio i-Pod! Il risultato è che le tracce musicali sono state tutte scelte con cura per riflettere l'umore di ogni post e per contenere indizi, alcuni più ovvi di altri, le quali, messe assieme, formano una serie di sei playlist (una per ogni sezione del libro) che servono come mini-sommario della trama.

D: Whao! Questa è la fine? Voglio sapere cosa succede dopo!
R: Sì, temevo me lo avresti chiesto. Come nella vita, il capitolo finale non risolve tutto come si sarebbe voluto. Ma per apprezzare realmente un libro, il lettore dovrebbe portare in tavola tanto quanto vuole portare via. Questo significa che ognuno deve decidere come crede sia finita la storia (e potreste scoprire che la vostra opinione varia a seconda del vostro stato d'animo). Quello che sto dicendo, suppongo, è questo: per favore, non chiedetemi cosa succede poi. Generalmente, sono l'ultima a saperlo...

venerdì 11 settembre 2009

Pre-ordinare

Benché non ci sia ancora una data ufficiale per l'uscita di Blueeyedboy, sul sito inglese di Amazon è già possibile pre-ordinarne una copia. Quindi, che cosa state aspettando? Se non volete attendere la versione nostrana per gustare il nuovo lavoro della Harris, cliccate qui.

mercoledì 9 settembre 2009

Blueeyedboy... trama...

Nuovi dettagli su Blueeyedboy sono affiorati durante una recente intervista fatta, logicamente, alla signora Harris, e questa volta si tratterebe di una mini-mini idea della trama.
Secondo l'intervista, infatti, il nuovo romanzo sarebbe un thriller psicologico riguardante un uomo che vive con sua madre e che fantastica continuamente di ucciderla.

Ok, gli elementi sono ancora pochi, però sono davvero impaziente di poter vedere la Harris nuovamente in azione in un thriller; La scuola dei desideri è davvero un ottimo libro e spero in un bis.

Rimanete su questi lidi per maggiori info.

mercoledì 19 agosto 2009

Work in progress

Per la serie, Joanne non si ferma mai, già da qualche tempo, con un post sul suo sito, ci ha messi a conoscenza di alcuni suoi progetti futuri:

1) Runelight:
Joanne, ora che Blueeyedboy è in fase d'arrivo, si può dedicare con maggior tempo al seguito de Le parole segrete, Runelight appunto. Il lavoro da fare è però ancora lungo, quindi non so se, almeno in patria, riuscirà a vedere la luce entro la fine del 2010.

2) Graphic Novel:
Joanne afferma che negli ultimi tempi sembra ci sia stato dell'interesse sul progetto di creare una graphic novel de Le parole segrete (o forse addirittura una serie di graphic novel). Per chi non lo sapesse, una graphic novel non è altro che un fumetto, generalmente composto da un volume piuttosto lungo, appunto come un romanzo.
Quello che risulta ancor più interessante è il coinvolgimento di un'artista italiana, Cinzia di Felice, che avrebbe già fatto le bozze di qualche pagina. Se volete dare una sbirciatina.

3) Racconti:
Joanne sta scrivendo dei racconti per una raccolta che dovrebbe essere pronta l'anno prossimo, o almeno è quello che la Harris spera.
Staremo a vedere cosa ci riserverà il futuro, ma sembrano tutte ottime news!

Blueeyedboy out in spring!

Blueeyedboy, il prossimo lavoro per adulti della nostra Joanne Harris, sta subendo le ultime modifiche da parte dell'autrice, la quale sta inoltre lavorando ad alcune idee per la copertina.
Logicamente stiamo parlando della versione inglese del libro, che dovrebbe uscire nella primavera del 2010.
Per le date italiane bisognerà attendere, anche se, facendo qualche calcolo, potrebbe benissimo uscire da noi per fine 2010; sarebbe un ottimo regalo di Natale!
Rimanete 'sintonizzati' per avere nuove info.

venerdì 19 giugno 2009

Ottobre

Ebbene, no, non vedremo Il seme del male in libreria in questo giugno.
Garzanti, in risposta ad una mia mail, comunica che questo libro della Harris vedrà la luce in Italia questo ottobre.
Abbiamo ancora qualche mese di attesa, insomma...

giovedì 18 giugno 2009

Sta arrivando?

The Evil Seed verrà tradotto nella nostra cara lingua? Questa era una domanda che miponevo il Settembre scorso, mese in cui, nei paesi anglofoni, è uscita la ri-edizione riveduta e corretta del primo, introvabile romanzo della Harris. Oggi, girovagando per il web, ho scoperto che sembrerebbe proprio di !
Ma non finisce qui! Perché secondo Unilibro, Il seme del male (traduzione perfetta del titolo), potrebbe addirittura uscire il 28 Giugno, ossia fra esattamente 10 giorni!
Ancora nessuna conferma dalla Garzanti ma, non ci resta che aspettare qualche giorno... comunque, alcune notizie sembrano più che certe, visto che vengono confermate in due siti differenti:
Pagine: 500
Prezzo: 18,60 €
Se verranno diffuse notizie ufficiali, qui le troverete sicuramente!

giovedì 19 marzo 2009

Le scarpe rosse: economica!

E' disponibile in tutte le librerie la versione economica de Le scarpe rosse, atteso seguito di Chocolat. Costa 9,90 €, 490 pagine e, come sempre, edito da Garzanti.

lunedì 16 marzo 2009

Finalmente è finito!

Ebbene, la notizia è giunta qualche giorno fa dal myspace della Harris: Blueeyedboy, ossia il prossimo romanzo per adulti di Joanne, è completato, o almeno lo è la prima stesura. Quindi, parole sue, ora dovranno passare 3/4 mesi in cui agente ed editori leggeranno e diranno la loro, poi... bè, poi Joanne apporterà le dovute modifiche e il libro verrà pubblicato!
Rimanetes intonizzati per eventuli news.

Concorso Runemarks

Joanne Harris ha indetto una sorta di concorso di fanart e fanfictions riguardante Le parole segrete. Non ci sono limiti di parole, non ci sono limiti di storie, unica raccomandazione: non inviate romanzi, Joianne specifica che giudicherà la qualità, non la quantità.
Mandate tutto a questo indirizzo, se siete interessati: runemarks@joanne-harris.co.uk i migliori tre disegnim e le migliori tre storie vinceranno romanzi Runemarks autografati e un set di rune fatte a mano dalla stessa Harris.

lunedì 19 gennaio 2009

The Independent

Ed eccovi una sorta di articolo/intervista apparso su The Independent del 7 Gennaio, dove Joanne parla del suo vivere in mezzo al nulla (geograficamente parlando). Ovviamente consigliato a quelli che masticano un po' d'inglese. Ecco il link.

4 chiacchiere

Un sentito grazie a Svevo, giornalista di eumagazine, che ha avuto il piacere di incontrare e intervistare Joanne Harris un paio di volte e che mi ha gentilmente inviato i link per poter leggere queste 'chiacchierate':

- Intervista su Le scarpe rosse

- Intervista su Le parole segrete

venerdì 9 gennaio 2009

Runemarks: e-book



Per chi volesse cimentarsi nella lettura de Le parole segrete in lingua originale (Runemarks), è ora possibile farlo anche acquistando il romanzo in formato e-book a questo indirizzo.

giovedì 8 gennaio 2009

My Myspace

Da oggi anche Mendiants & Magie ha un account su Myspace. Visitate, date una sbirciatina, richiedete amicizia... naturalmente premendo qui.

Incipit

Per chi fosse ancora indeciso se comprare o no Le parole segrete, vi rimando a questa pagina di RadioAlt, dove viene letto l'inizio del romanzo. Buon ascolto!

su Garzanti

Tra le pagine dedicate alla Harris, sul sito del suo editore italiano Garzanti, si trova anche questa. Vi si possono leggere giusto un paio di domande relative alle rune e a Le parole segrete.

mercoledì 7 gennaio 2009

In bed with...



Vi riporto maggiori informazioni riguardo l'antologia di sexy racconti in cui compare anche la Harris. Logicamente il volume è reperibile solamente in lingua inglese. Di seguito la presentazione di Amazon.uk.

In bed with… (A letto con…) è un’unica, a volte umoristica, spesso maliziosa e caldissima collezione di favole della buonanotte sfacciate e sexy create da scrittrici di bestseller, pluripremiate e molto conosciute, e scritte sotto pseudonimi ‘vietati ai minori’ (una combinazione del nome del loro primo animale e della loro via). E allora chi sono Pom Pom Paradise e Minxy Malone? Tutty Monmouth e Sunset Proudfoot? Riesci a capire chi è chi? Chi ha scritto cosa? Divertente ed erotica, In bed with è una deliziosa collezione di narrativa tentatrice. Cosa state aspettando? Scivolate sotto le coperte con un buon libro. Soddisfazione garantita. Coin racconti di Chris Manby, Stella Duffy (Carne Fresca, Calendar girl), Adele Parks (Sex con un ex), Fay Weldon (Le peggiori paure), Ali Smith (Free love, Voci fuori campo), Daisy Waugh, Rachel Johnson, Jessica Adams, Emma Darwin, Jane Moore, Bella Pollen, Justine Picardie, Joanne Harris, Esther Freud, Louise Doughty, Joan Smith e Santa Sebag-Montefiore (L’albero degli amanti perduti).

Paperback
352 pagine
Edizioni: Sphere
Prezzo: 7 sterline e 99 (5,99 su Amazon)

Number 5!

The Evil Seed si trova alla posizione numero cinque della classifica dell'Examiner dei migliori libri per bambini ripubblicati nel 2008 in USA. Joanne Harris è logicamente riconoscente di ciò, ma rimane un po' perplessa visto che il libro non è stato pubblicato in America, ma in Inghilterra, e soprattutto perché non è affatto un libro per bambini.
Comunque sia, la scrittrice ringrazia sentitamente chi l'ha votata.

Questo è il link per poter vedere la classifica in lingua originale.
Questo, invece, è il link per il post in cui Joanne parla di questo.

A letto con...


Esce il 22 Gennaio l'antologia, in lingua inglese, che raccoglie sexy racconti di alcune tra le più apprezzate autrici del momento e prenotabile su Amazon.



Questa è invece la versione Australiana (che io preferisco) edita da Penguin Australia.

Ancora su Booksblog

Eccovi una recensione de Le parole segrete apparsa qulche tempo fa su Booksblog. Cliccate qui per leggerla.