• RSS

giovedì 11 dicembre 2008

'Le scarpe rosse' in economica

Le scarpe rosse uscirà, in edizione economica, nel marzo 2009. Le pagine saranno 492, il prezzo 9,90 euro e l'editore, ovviamente, Garzanti. Un'ottima occasione per acquistare, per chi non l'ha ancora fatto, lo straornario seguito di Chocolat.

giovedì 20 novembre 2008

Fantasymagazine

FantasyMagazine, sito italiano dedicato al fantasy in ogni sua forma, ci propone oggi un'intervista a Joanne Harris per parlare proprio de Le parole segrete. Cliccate qui per una buona lettura.

venerdì 14 novembre 2008

2 interviste

Ed ecco una nuova intervista a Joanne Harris dove, logicamente, si parla de Le parole segrete. Cliccate qui per leggerla.

Ed ecco invece l'intervista fatta da Radio 3 durante il programma Fahrenheit. Cliccate qui per ascoltare questi20 minuti di chiacchierata.

venerdì 7 novembre 2008

Joanne su Booksblog

Vi segnalo un piccolo articolo apparso su Booksblog, dedicato alla presentazione romana de Le parole segrete.

giovedì 6 novembre 2008

On the Radio

Joanne Harris sarà ospite della trasmissione Fahrenheit, venerdì 7 novembre, alle ore 17,00 circa, su Radio3.
Non potrete sentire la trasmissione? Non preoccupatevi! Da lunedì sarà infatti possibile riascoltarla e scaricarla in mp3.

Per l'informazione ringrazio di cuore Barbara da Roma.

venerdì 24 ottobre 2008

Joanne in Italia

L'avevo già preannunciato in qualche vecchio post, ma ora arrivano le date ufficiali. Joanne arriverà in Italia il 5 Novembre e ripartirà l'8. Per la maggior parte del tempo sarà impegnata con interviste con i media, ma di seguito riporto gli incontri previsti con i lettori:

- Mercoledì 5 Novembre, ore 18.30, presentazione de Le parole segrete alla libreria Enoarcano, via delle Paste 106, Roma
- Giovedì 6 Novembre, ore 18.00, presentazione de Le parole segrete alla Feltrinelli Libri e Musica, via SS Caterina e Chiara 23 (angolo piazza dei Martiri), Napoli.

lunedì 20 ottobre 2008

Ufficiale!


La casa editrice Garzanti, in risposta ad una mia e-mail, ha dichiarato che Le parole segrete, il nuovo libro di Joanne Harris, sarà in tutte le librerie italiane a partire da giovedì 30 ottobre. Per maggiori informazioni riguardanti il romanzo in questione, vi rimando alla sua scheda.

mercoledì 10 settembre 2008

Mini guida alle rune

Joanne Harris ha reso disponibile, sul suo sito, una piccola guida alle rune per principianti, scritta direttamente da lei. Per chi conosce l'inglese la rendo disponibile anche qui; può essere un'occasione per approfondire le nostre conoscenze sulle rune prima dell'uscita de Le parole segrete.

lunedì 25 agosto 2008

11 Settembre

Il sito della Harris conferma l'undici settembre come data per il rilascio della riedizione inglese di The Evil Seed (per maggiori informazioni si rimanda a questo post). Ora non ci resta che attendere notizie sul fronte italiano.
L'immagine riportata era stata ideata da Graham per la copertina della nuova edizione ma è stata, in seguito, scartata.

Intervista: 'La scuola dei desideri'

Strano come in questi due giorni sbuchi materiale riguardante questo libro della Harris, già pubblicato in Italia da ormai un paio d'anni. Comunque, girovagando per il web, ho trovato questa intervista, in italiano, in cui Joanne Harris parla appunto del suo La scuola dei desideri: RadioAlt.

domenica 24 agosto 2008

Presentazione 'La scuola dei desideri'

Eccovi, in lingua originale, una presentazione di La scuola dei desideri datata 2006:












Per questo filmato si ringrazia il sito ufficiale di Joanne Harris.

martedì 29 luglio 2008

The Evil Seed: aggiornamenti!

Eccosi confermare la copertina ufficiale di The Evil Seed; sul sito Amazon questa immagine compare infatti come effettiva copertina del ricercato romanzo d'esordio della Harris. Non solo... sempre Amazon propone due edizioni acquistabili: quella con copertina rigida al prezzo di 11,21 sterline (anziché 16,99) e quella economica al prezzo di 5,24 sterline (anziché 6,99). Entrambe le versioni possono già essere ordinate qui o qui, e la data di pubblicazione viene indicata come l'11 settembre. Tengo a precisare che già in passato si sono susseguite date sempre diverse e che il sito ufficiale della Harris non riporta ancora niente di certo.

Runemarks: paperback edition!

Aspettando la versione italiana, possiamo dare un'occhiata alla copertina del'edizione economica inglese de Le parole segrete, in uscita il 4 settembre e già prenotabile su Amazon.

lunedì 28 luglio 2008

Possibile data d'uscita

Il sito Unilibro, dedicato all'acquisto di libri on-line, fornisce come data d'uscita prevista per Le parole segrete il primo ottobre. La notizia deve essere comunque presa con le pinze in quanto la Garzanti non sembra ancora aver dato conferma.

domenica 6 luglio 2008

An english interview

mercoledì 25 giugno 2008

Economica

E' finalmente disponibile l'edizione economica de La scuola dei desideri al prezzo di 8 euro e 90. Di seguito la copertina di questa nuova edizione.


mercoledì 18 giugno 2008

Uscita de 'Le parole segrete'

Iniziano a comparire date più o meno certe per il rilascio della versione italiana di Runemarks. Secondo il sito Wuz, Le parole segrete uscirà in ottobre, avrà 580 pagine e costerà 18,60 euro. Logicamente l'editore sarà Garzanti.

martedì 27 maggio 2008

La mia intervista personale!

Ebbene sì, ho mandato, tramite mail, una piccola serie di domande a Joanne Harris e lei ha avuto la gentilezza di rispondere. La ringrazio infinitamente e non posso che augurarle il meglio. Di seguito domande e risposte:

D: Puoi dirmi tre aggettivi che meglio ti descrivono?
R: Lunatica. Introversa. Ostinata.

D: Perché scrivi libri? È una necessita, un piacere, semplicemente un lavoro o cosa?
R: Scrivo perché sento di doverlo fare.
D: Scrivere è un lavoro difficile?
R: A volte. Ma se non lo fosse, varrebbe la pena farlo?

D: Secondo la tua opinione, per scrivere un romanzo è più importante la disciplina o l’ispirazione?
R: Non penso alla disciplina. Lo faccio perché è divertente.

D: Sei spaventata dalla mancanze di ispirazione?
R: Sempre.

D: In tutti i tuoi libri, eccetto Le parole segrete (Runemarks), usi la prima persona. Perché?
R: Perché mi piace cercare di entrare nella mente dei miei protagonisti, per elaborare il perché queste persone fanno ciò che fanno. È più facile fare questo con lo prima persona.

D: In Le scarpe rosse dici che si possono imparare molte cose riguardo una persona anche solo guardando le scarpe che questa indossa. Che tipo di scarpe porti?
R: Per lo più Converse o stivali.

D: Noi tutti conosciamo l’importanza del cibo nei tuoi libri, ma che tipo di cuoca sei tu?
R: Una cuoca di corsa! Tendo a fare cose che sono semplici e veloci.

D: Nei tuoi ultimi lavori, La scuola dei desideri e Le scarpe rosse, ho come l’impressione che tu stia esplorando un lato oscuro dell’essere umano, molto più che nei tuoi precedenti romanzi. Cosa ne pensi?
R: Penso tu abbia ragione. Sono sempre stata attratta dal lato più oscuro della storia, e mi piace scrivere del personaggio più complicato, quello più difficile.

D: Ed ora, so che questa è una domanda poco gentile, ma mi piacerebbe sapere se c’è, tra i tuoi romanzi, uno che ami di più, e anche uno che ti piace di meno.
R: Sono particolarmente affezionata a Le parole segrete perché è stato molto divertente scriverlo. Ma sono affezionata anche a quello che mi piace di meno; non penso che The evil seed sia particolarmente buono (avevo solo diciannove anni quando l’ho iniziato!) ma ci sono affezionata in quanto è stato il primo.

D: Se tu potessi essere un personaggio di un romanzo, chi ti piacerebbe essere?
R: Loki (un personaggio di Le parole segrete), perché riesce sempre a cadere in piedi.

D: E ora possiamo parlare un po’ del tuo ultimo libro: Le parole segrete. Cosa devono aspettarsi, i tuoi lettori italiani, da questo romanzo, il primo completamente fantasy?
R: A dire il vero c’è molto terreno familiare, in qualche modo, sebbene sia la prima volta che io provo qualcosa di così fantasy. Ma ci sono dei temi che i miei lettori possono riconoscere: la ragazza che crea problemi, non accettata dalla sua comunità, un conflitto con un grande gruppo religioso e patriarcale, un sacerdote intollerante, magia, viaggi, folklore, storie, sogni e i loro poteri.

D: Oggigiorno siamo abituati a classificare tutto. Pensi che Le parole segrete sia davvero un libro per ragazzi, o piuttosto un romanzo per tutte le età?
R: Cerco di non classificare mai, specialmente da quando, facendo questo, escludo certi lettori. Questo è un libro per tutti e ho ricevuto lettere di apprezzamento da tutti i tipi di persone, giovani e anziane.

D: Ho letto che verrai in Italia a Novembre. Sarà per promuovere Le parole segrete? Incontrerai I tuoi lettori in quell’occasione?
R: Sì, verrò per la promozione. E davvero non vedo l’ora. I lettori italiani sono sempre così accoglienti e affettuosi… mi sembra quasi di tornare a casa.

D: Quali sono i progetti per il tuo futuro? Cosa stai scrivendo?
R: Un seguito di Le parole segrete e una sorta di romanzo poliziesco, con il quale sono in lotta.

D: Durante l’ultima fiera internazionale del libro di Torino, ci sono state molte polemiche riguardanti la scelta di Israele come paese ospite. Credi che politica e libri siano due cose ben distinte? È corretto manifestare contro la fiera per questioni politiche, quando i protagonisti dell’evento sono dei libri? Qual è il confine tra cultura e politica?
R: penso che le storie, come lo sport, dovrebbero stare al di là del mondo della politica. Inoltre, i libri illuminano le persone; la messa al bando o le restrizioni rendono semplicemente peggiori le cose.

lunedì 26 maggio 2008

Una nuova intervista

Eccovi la traduzione di un’intervista di Nancy Gilson apparsa sul Columbus Dispatch. Si parla di scarpe rosse, cioccolato e…

D: Hai sempre avuto l’intenzione di scrivere un seguito di Chocolat?
R: No. È stato qualcosa che è semplicemente accaduto. Non credo sia realmente un sequel. Non è per niente simile al precedente. Penso possa essere letto separatamente. Non hai bisogno di conoscere Chocolat.

D: La parte riguardante la madre di Vianne in Le scarpe rosse non contrasta con la storia del film Chocolat?
R: Sicuramente, ma non ho scritto io il film. L’ho scritto come un seguito del libro, non del film.

D: Hai in progetto un altro libro con questi personaggi?
R: E’ difficile dirlo. È passata una certa quantità di tempo tra la stesura di Chocolat e quella di questo libro. Molto probabilmente, se ci sarà un seguito dovrà passare lo stesso lasso di tempo. C’è sicuramente molto altro da trovare nel personaggio di Anouk e, naturalmente, ora c’è un’altra figlia.

D: Ti è piaciuto il film di Chocolat?
R: Credo abbia funzionato bene. Era inevitabile che venissero fatti un certo numero di cambiamenti e che la trama venisse resa più lineare, con più enfasi sulla storia d’amore. E hanno minimizzato le scene più cupe e marginali.
Credo fosse un cast quasi perfetto. La qualità del casting, della regia, dei costumi era meravigliosa.

D: Hai ricevuto critiche per aver trattato temi come la stregoneria?
R: Sì. Ma ci sono molte persone pazze nel mondo. Ho preso nota, ma non ci ho fatto troppa attenzione. Ci sono persone che dell’interpretare l’Onnipotente hanno fatto la loro vita, e alcune di loro sembra abbiano bisogno di dire: “Hey, non raccontare favole ai nostri bambini.”

D: Cosa ti ha fatto scrivere Runemarks (Le parole segrete)?
R: E’ cominciato tutto come un esperimento. Non era pensato per la pubblicazione, ma mia figlia lo trovava divertente. Erano una serie di favole della buonanotte… e lei ne voleva ancora e ancora. Lei aveva nove anni all’epoca, ora ne ha quattordici. Il libro ha avuto una reazione eccellente da parte dei ragazzi e dei lettori di tutte le età. Il pubblico del fantasy è estremamente ampio. Ho ricevuto una lettera da una signora di novant’anni che diceva che quello era il suo primo romanzo fantasy e mi chiedeva di muovermi e scrivere il sequel perché a lei non resta poi molto tempo… un seguito è probabile.

D: Quali autori ammiri e leggi?
R: Oh, molti: Ray Bradbury, Nabokov, Dickens. Leggo sempre cose nuove e scopro cose più vecchie.

D: Cosa ti piace delle letture in pubblico?
R: E’ una bella opportunità per interagire coi lettori. Non si ha spesso questa opportunità. Il commento più onesto che si riceve è quello del pubblico. Non puoi fidarti dei critici e dei professionisti del mestiere. Il pubblico valuta con la propria testa.

D: Ti piace la cioccolata?
R: Naturalmente. Mangio ogni tipo di cioccolato. Trovo che avendo scritto di questo argomento, la gente me ne regala una gran quantità. Mi piace il cioccolato di qualità.

D: Il tuo preferito?
R: Le ciliegie ricoperte di cioccolato.

D: Continui a suonare il basso in una band?
R: Sì. Suono nella stessa band da quando avevo sedic’anni. Non suoniamo in pubblico molto spesso. Non abbiamo un nome. Ammeno che tu non esca a suonare, non hai bisogno veramente di un nome.

venerdì 23 maggio 2008

The Evil Seed: prime immagini!

Eccovi la direzione che sembra stia prendendo la copertina inglese della ristampa del primo romanzo in assoluto della Harris. L'autrice, tramite le pagine del suo mySpace, rivela di non gradirla molto, ma c'è ancora tempo per molti cambiamenti. La data di pubblicazione (logicamente in lingua originale) che sembrava inizialmente orientata verso settembre, non è ancora stata rivelata.



domenica 18 maggio 2008

Le parole segrete

Ecco quello che sembra essere il titolo italiano per Runemarks. Da poco è infatti apparsa, sul mySpace dell'autrice britannica, la copertina nostrana del suo romanzo fantasy, una copertina dove ben campeggia questo titolo... eccovela in anteprima:



mercoledì 2 aprile 2008

Joanne in Italy!

Sul sito ufficiale della Harris, nella sezione dedicata agli eventi, è stato inserito un nuovo appuntamento in cui si dice che, dal 5 al 7 novembre, Joanne sarà in Italia. Che sia per presentare Runemarks al popolo dello stivale? se così fosse, significa che il romanzo verrà probabilmente pubblicato verso fine ottobre.

venerdì 21 marzo 2008

4 chiacchiere con Joanne

Questo video lo trovi su Rainews24.

video

giovedì 20 marzo 2008

Runemarks: Book Trailer!

Eccovi il trailer del prossimo libro della Harris che verrà pubblicato in Italia: Runemarks! Non si tratta del trailer di un film, ma di una sorta di pubblicità dell'opera. Sotto vi riporto la traduzione del commento di sottofondo.




"Nel mondo di Maddy, tutto era controllato: racconti, vecchie divinità, fate, orchi, magie e incantesimi; si supponeva che tutto questo fosse stato sconfitto secoli prima, ma Maddy sapeva che un po’ di magia era sopravvissuta…
500 anni dopo la fine del mondo, e gli orchi erano in cantina di nuovo."

Un Natale in Francia

Ho trovato, scavando di qua e di là ed incappando nel sito giusto per caso, un racconto tradotto in Italiano di Joanne Harris. Se volete leggerlo, cliccate su Infinitestorie. Buona lettura!

sabato 8 marzo 2008

La scuola dei desideri: economica!


Per chi fosse interessato... è prevista per giugno la pubblicazione della versione economica de La Scuola dei desideri. Come sempre sarà pubblicato da Garzanti, avrà 448 pagine e il suo prezzo sarà di 8,90 €.

venerdì 7 marzo 2008

Non solo libri...

Non solo romanzi, ma anche cinema.
Ebbene sì, la stessa Harris, tramite i post sulla sua pagina di myspace, ha recentemente dichiarato di star lavorando alla sceneggiatura di un film. Titolo e trama non sono ancora stati resi noti; da quel che si può però intuire dovrebbe essere qualcosa di storico. Staremo a vedere...

lunedì 18 febbraio 2008

Uscite in UK


Il sette febbraio è stata pubblicata una raccolta di racconti dal titolo: Mums: A Celebration of Motherhood (ed. Random House), all’interno della quale è presente anche un racconto di Joanne Harris. Un’altra sua storia sarà presente nell’antologia Dads: A Celebration of Fatherhood (ed. Random House), che dovrebbe uscire per la festa del papà.


Verso la fine del 2008 dovrebbe inoltre uscire una terza raccolta, sempre contenente un racconto di Joanne, intitolata stavolta In Bed With… (ed. Little Brown). La particolarità di questa antologia è costituita dal fatto che tutti gli autori che vi partecipano utilizzano un ‘nome d’arte’ coniato per l’occasione.

sabato 16 febbraio 2008

The Evil Seed: background!

In attesa di vedere pubblicati in Italia i nuovi libri, o le ristampe, di Joanne Harris, ho pensato fosse utile avere a disposizione trame e informazioni generali. Quello che vi propongo di seguito è quello che la Harris chiama background, ossia notizie che stanno dietro l'ideazione del libro. Col tempo, spero di riuscire ad inserire anche il background delle altre opere.


Questo è stato il mio primo romanzo, e per questo motivo provo per lui lo stesso vago affetto che provo per il mio primissimo (e non adeguato) fidanzato; ma non mi aspetto che anche le altre persone condividano necessariamente i miei stessi sentimenti. Infatti, non ho osato guardarne una copia per circa dieci anni, sebbene fosse ancora in stampa. Comunque, la gente persiste nel farmi domande riguardo a questo libro, e piuttosto che lasciarli leggere impreparati, sento di dover dare qualche sorta di spiegazione.

Prima di tutto, una confessione: è un romanzo sui vampiri. Secondo, un’ipotesi speranzosa: probabilmente non è cattivo come mia madre pensa. Terzo: vi avverto, ho detto ‘probabilmente’.

Per spiegare ulteriormente, sono cresciuta in una casa riempita di libri. Avevamo libri ancor prima di avere mobili, il che era molto prima che noi avessimo la nostra prima televisione. Sono una lettrice onnivora, sia in francese che in inglese, sin dal momento in cui ho imparato a girare le pagine; con solo due eccezioni. Continuo a non comprendere il motivo per cui mia madre fosse così poco fiduciosa verso questi due generi, ma qualsiasi approccio all’horror o alla fantascienza era completamente proibito. Anche scrittori classici come Lovecraft o Wilkie Collins o Edgar Allan Poe; se non superavano il test del genere di appartenenza, venivano riassegnati alla cima della libreria, un luogo impossibile da raggiungere. Ovviamente, io l’ho vista come una sfida. Appena ho potuto, ho letto tanta horros e fantascienza quanta mi era possibile, ed era inevitabile che il mio primo romanzo dovesse essere Quel Terribile Libro, una sorta di miscuglio di tutti gli scrittori che mi sono sempre stati proibiti.

Comunque, horror è un termine scorretto e fuorviante. Ci sono alcuni meravigliosi autori che sono stati emarginati e snobbati per colpa dei soggetti trattati (si vedano Christopher Flower e Ray Bradbury e Chritopher Priest) ma che scrivono una prosa letteraria ed evocativa come molti autori di narrativa classica. Non pretendo di essere tra questi, ma volevo scrivere un romanzo gotico-moderno che fosse abbastanza letterario da essere classificato come libro per tutti (e che potesse far rimanere mia madre di sasso). La morale della storia è: se devi fare un insuccesso, che sia un insuccesso eroico.

Credo che il problema di base fosse che nessuno conosceva realmente cosa il libro volesse essere. Lettori che avrebbero potuto restarne affascinati neanche lo comprarono perché non accettavano di leggere quel tipo di romanzo. Gli entusiastici dell’horror devono averlo trovato piuttosto strano, lento. Ho avuto l’idea da una iscrizione su di una lapide nel cimitero di Grantchester, dove ero solita andare in bici quando studiavo a Cambridge. Il libro è scritto in un deliberato stile barocco per due sequenze temporali; è estremamente autoindulgente (se fossi stata un editor avrei tagliato almeno 200 pagine); è sexy, violento, disordinato, confuso, e sebbene io mi sia molto divertita nello scriverlo, mi chiedo cosa possano averci visto i lettori all’epoca.

Ho detto che scrivere The Evil Seed mi ha insegnato alcune cose importanti. La prima, come battere a macchina; mi ha insegnato molto sul processo dell’essere pubblicati (incluso come non sperare più del dovuto), come essere spietati col mio materiale, e l’esperienza dello scrivere mi ha dato un’idea migliore su come strutturare una storia. Ma cosa più importante, ha spianato la via per il mio secondo libro, Il Fante di Cuori e la Dama di Picche, che è migliore sotto molti punti di vista. Non ho guadagnato niente per nessuno dei due, naturalmente (c’ho talmente lavorato che se sommassi tutte le ore spese, più l’editing e le prove di lettura, ne uscirebbero circa due pence all’ora), ma non c’è nulla che possa essere comparato al vedere il tuo primo libro in stampa (eccetto forse guardare la première del tuo primo film).

Questo 'articolo' è stato tradotto e pubblicato per gentile concessione di Joanne Harris e del suo sito internet ed è disponibile in lingua originale qui.

venerdì 15 febbraio 2008

Il seme del male


Cimitero di Grantchester, Cambridge. La tomba, diversa da tutte le altre ricoperte di fiori, è avvolta dall'edera e dalle erbacce e a stento si legge il nome sulla lastra. E quello di una donna: Rosemary Virginia Ashley. Alice Farrell, giovane pittrice in cerca di ispirazione, non sa perché è finita davanti a questa lapide. Non conosce quella donna, sa solo che la lapide la mette profondamente a disagio. Una sensazione strana, simile a quella che prova quando conosce Ginny, la nuova fidanzata del suo ex, Joe. Forse si tratta solo di gelosia. Eppure c'è qualcosa di oscuro in quella ragazza dalla bellezza eterea, con i capelli rossi e una passione per i quadri preraffaelliti che ritraggono donne uguali a lei. Cosa si nasconde dietro quegli occhi enigmatici e inquieti? E perché Ginny ogni notte fa visita alla tomba di Rosemary, seppellita cinquant'anni prima, ma lungi dall'essere dimenticata? La risposta forse è in un vecchio diario. Ma ormai passato e presente sono una cosa sola e Alice deve riuscire a distinguere tra sogno e follia, bugia e finzione. Perché ora quella che era solo una sensazione sta per trasformarsi in un'orribile realtà. Una realtà di orrore e morte, passioni oscure, sangue e vendetta.

-Dati libro:
data di pubblicazione: 22 ottobre 2008
pagine: 344
editore: Garzanti
prezzo: € 18,60
titolo originale: The evil seed

venerdì 25 gennaio 2008

Le scarpe rosse: video-intervista!

Cliccate su Booksweb e cercare, nella sezione 'Interviste', Joanne Harris. C'è una bella video-intervista su Le scarpe rosse.

Runemarks: intervista!

Intervista a Joanne Harris sul suo ultimo libro Runemarks.
Domanda: Quanto è difficile scrivere per dei lettori più giovani?
Risposta: A dire il vero non faccio questa distinzione. Mia figlia, che mentre lavoro sta praticamente sempre sopra la mia spalla a leggere, è l’unica persona, a parte me, che realmente sento di dover compiacere. Io scrivo continuamente di cose che mi interessano e mi preoccupano –i miei lettori adulti lo avranno notato- e non credo che gli scrittori debbano compromettere il loro stile, solo perché si stanno rivolgendo ad un’audience più giovane.

D: Hai dovuto fare molte ricerche?
R: Beh, ho fatto la maggior parte delle mie ricerche mentre ero ancora a scuola, sebbene abbia poi letto molti libri sulle rune. Ho anche cercato di imparare l’antico norreno (ho sempre desiderato poter leggere Völuspá in lingua originale). I puristi noteranno che mi sono presa alcune libertà con il testo originale islandese. È del tutto intenzionale, proprio come gli occasionali anacronismi nella scrittura. Non volevo scrivere un romanzo storico, ed è anche per questo che, deliberatamente, non ho collocato il romanzo in un luogo riconoscibile, o in un tempo preciso. Cinquecento anni dopo Ragnarök… potrebbe essere l’anno 1250 D.C. o anche un futuro post-apocalittico.

D: Sembra un lavoro duro. Quanto background devo avere per poter leggere il libro?
R: Nessuno. Tutto quello che ti serve è nel libro, benché se tu hai qualche nozione di base di mitologia nordica, allora potresti capire qualche ‘scherzetto’ più velocemente…

D: Scherzetti? Pensavo che questo libro fosse serio!
R: Beh, lo è… in un certo modo. Ma è anche un discendente di quelle vignette comiche che usavo per scrivere; surreale in alcuni momenti e spesso divertente. Senza dubbio c’era molto umorismo nei miti originali –alcuni di questi magnificamente irriverenti- e io ho cercato di mantenere quest’aspetto. Le divinità nordiche sono molto più umane di quelle egizie o greche. Possono spesso essere meschine, crudeli o pienamente caotiche (che è una delle ragioni per cui mi hanno attratta fin da subito). In Runemarks, sono andata oltre; le mie divinità hanno molte fragilità umane, e che vanno ad innalzare la posta in gioco e creano, nell’insieme, molta più suspence.

D: E cosa mi dici delle rune?
R: Beh, le rune sono delle cose misteriose. Ad un primo livello sono semplici lettere dell’alfabeto. ad uno più approfondito, hanno anche avuto molti usi occulti, sebbene nessuna sia completamente chiaro su come funzionasse. Per gli appassionati delle rune ci tengo a precisare che ho usato una versione islandese del Younger Futhark per le mie Antiche Scritture, il che significa che le rune potrebbero non essere come le conoscete voi. Anche questo è intenzionale. Per le Nuove Scritture ho usato rune dell’antico inglese dell’Elder Futhark, e per i Canti ho usato frammenti di poemi runici in antico inglese. Altri termini tecnici sono, per la maggior parte, in antico islandese. Nessuna delle lingue di Inland o di Chaos sono inventate, anche perché trovo difficile creare delle lingue dal nulla con serietà.

D: Tu, hai mai usato le rune?
R: Tutto il tempo; è un metodo con cui mi trovo a mio agio. Faccio praticamente quello che fa Maddy, anche se lei lo fa probabilmente meglio.

D: Questa non è la prima volta che scrivi di un conflitto tra magia e religione. È una cosa personale?
R: A dire il vero no. In questo libro ho deliberatamente evitato di dare un nome alla fede dell’Ordine. Certo, ha qualche similitudine con la prima Chiesa, proprio come il Good Book ha qualche superficiale parallelismo con l’Antico Testamento, ma sotto molti aspetti è davvero diverso. Vorrei incoraggiare i lettori a focalizzarsi su cosa l’Ordine rappresenti in termini di oppressione e intolleranza, piuttosto che vederci un attacco ad una forma di credo in particolare. E, sicuramente, l’ironia è che l’Ordine, pur condannando la magia in tutte le sue forme, pratica una magia delle più potenti e distruttive. Spero che qualcuno dei miei lettori più perspicaci possa apprezzare questo parallelismo.

D: Quanto ti assomiglia Maddy, l’eroina del tuo libro?
R: È un misto tra la me stessa a 14 anni e mia figlia com’è adesso. Abbiamo due personalità molto simili; forse questo è il motivo per cui amiamo tanto questo libro.

D: Quali sono state le influenze per Runemarks?
R: Gormenghast di Meryn Peake, The eagle of the ninth di Rosemary Sutcliff, tutti i libri di Rider Haggard e di Edgar Rice Burroughs, The Chrysalids di John Wyndham, l’ottima riscrittura dei miti nordici di Kevin Crossley Holland, l’eccellente libro Helrunar di Jan fries, la serie di Sandman di neil Gaiman, Il popolo dell’autunno di Ray Bradbury e, inoltre, Ho un castello nel cuore di Dodie Smith, Gobelin Market di Christina Rossetti e i sette anni passati a fare giochi di ruolo e a disegnare fumetti sul mio libro di latino.


Note:
-Futhark: era l'alfabeto runico usato dalle antiche popolazioni germaniche, come ad esempio Angli e Juti.
-Ragnarök: indica, nella mitologia norrena, la battaglia finale tra le potenze della luce e dell'ordine e quelle della tenebra e del caos, in seguito alla quale l'intero mondo verrà distrutto e quindi rigenerato.
-Völuspá: (La profezia della veggente) è il primo e più famoso poema dell'Edda poetica. Racconta la storia della creazione del mondo e la sua futura fine narrata da una völva o veggente che parla ad Odino. È una delle più importanti fonti primarie per lo studio della mitologia norrena.


Questa intervista è stata tradotta e pubblicata per gentile concessione di Joanne Harris e del suo sito internet ed è disponibile in lingua originale a questo indirizzo.

Runemarks: aggiornamenti!


Notizia giuntami da pochissimo!

Mrs. Anne Riley, amministratrice del sito di Joanne Harris, mi ha inviato una mail in cui, rispondendo ad una mia domanda, mi rivela che la Garzanti ha intenzione di pubblicare Runemarks in Italia, e che il rilascio è previsto per quest'autunno. Una data precisa non è ancora stata decisa.

Rimanete in ascolto per eventuali sviluppi!

The Evil Seed

Piccolo aggiornamento!

Secondo il sito inglese Amazon, 'The Evil Seed' verrà pubblicato in Inghilterra il due settembre, per le edizioni Doubleday, al prezzo di £ 16,99 e avrà la bellezza di 368 pagine.

giovedì 24 gennaio 2008

Blueeyedboy & co.

Ed ecco a voi... (squillo di trombe)... la prima NEWS!!!
Parliamo dei prossimi progetti letterari della nostra amata Joanne Harris.
La scrittrice sta lavorando a ben due libri. Il primo sarebbe Runelight, il seguito di Runemarks (libro ancora inedito in Italia). Il secondo invece è un ritorno alla narrativa per adulti e, almeno provvisoriamente, s'intitola Blueeyedboy, ossia 'ragazzo dagli occhi blu'.
Ma c'è di più! Dopo anni e anni di continue esitazioni, si è finalmente deciso di pubblicare una riedizione del primo lavoro in assoluto della Harris, The evil seed (Il seme del male), datato 1989 e, a quel che mi risulta, mai arrivato in Italia. Come accaduto per Il fante di cuore e la dama di picche (anch'esso riedito da poco), si tratterebbe di un lavoro di revisione che dovrebbe vedere la luce (logicamente in Inghilterra) in autunno. La speranza è che, come per Il fante...,anche questo libro venga pubblicato da Garzanti dopo l'uscita nei paesi anglofoni.
Vi terrò aggiornati!

Le parole segrete

Dopo i bestseller Chocolat e Le scarpe rosse per la prima volta il mondo magico di Joanne Harris incontra la mitologia nordica.

Nel villaggio di Malbry non è facile essere giovani e coltivare i propri sogni. Le regole e la disciplina la fanno da padroni; i giochi e gli incantesimi sono stati proibiti. Eppure Maddy non ha mai smesso di credere nel potere dei sogni e della magia. Lei è diversa da tutti: è ribelle, curiosa, testarda, e sulla mano ha il marchio di una runa. Per molti si tratta di un segno maledetto, ma non per il Guercio, il misterioso straniero che racconta storie affascinante, l’unico amico che Maddy abbia mai avuto. È lui a svelare il misterioso linguaggio delle rune e a introdurla in quel’universo proibito e vietato dove sono nascosti gli incantesimi, la conoscenza e il segreto delle sue origini. Mentre il futuro inciso sulla sua mano si avvicina giorno dopo giorno, una terribile catastrofe minaccia di distruggere per sempre quel mondo perduto. Maddy è l’unica in grado di salvarlo: sarà un’avventura appassionante, una corsa contro il tempo, una guerra contro nemici dai poteri oscuri. Con le Parole segrete Johanne Harris continua a esplorare la realtà fantastica che l’ha fatta amare da milioni di lettori, fondendo le atmosfere di Chocolat con le anche mitologie, a cominciare da quelle nordiche, dominate da Odino e Thor. Maddy affronta un percorso di crescita, dall’innocenza perduta alla consapevolezza del proprio destino, oltre le cupe regole dell’Ordine.

-Dati libro:
data di pubblicazione: 30 ottobre 2008
pagine: 580
editore: Garzanti
prezzo: € 18,60

titolo originale: Runemarks


Riporto di seguito l'illustrazione dei Nove Mondi:

Le scarpe rosse


Sono passati quattro anni da quando Vianne Rocher e sua figlia Anouk hanno lasciato Lansquenet. Hanno peregrinato di villaggio in villaggio, senza mai trovare stabile dimora: lo scandalo e le chiacchiere le hanno seguite, perseguitate, minacciate, ancora di più quando Vianne ha dato alla luce la piccola Rosette. Alla fine hanno trovato rifugio a Montmartre, a Parigi. Nell’anonimato della metropoli, Vianne ha aperto una cioccolateria. Eppure tutto è diverso da prima. Ha abbandonato i tarocchi, gli incantesimi, la magia, il suo stesso nome. Il vento ha smesso di soffiare – almeno per un po’. Finché nella loro vita non arriva una nuova amica, Zozie de L’Alba, la signora con le scarpe rosse. Dà una mano in negozio e ben presto, con la sua vitalità e simpatia, conquista la fiducia di Vianne e soprattuto di Anouk. Ma Zozie non è quello che sembra: ambigua, misteriosa e seducente, ha un piano che minaccia di distruggere il loro mondo. E mentre tutto quello che ama è in pericolo, Vianne deve scegliere: fuggire, come ha già fatto tante volte, oppure affrontare il suo nemico più pericoloso, le proprie paure.

-Hanno detto del libro:

“Se Joanne Harris non esistesse, bisognerebbe inventarla.” ‘Sunday Express’
“È così brava che può scrivere su qualunque argomento, qualunque luogo, chiunque.” ‘Daily Telegraph’
“È impossibile non rimanere colpito dal fascino quasi ipnotico della sua scrittura.” ‘Independent’

-Dati libro:
titolo originale: ‘The lollipop shoes’
pubblicazione in lingua originale: 2007
pagine: 490
editore: Garzanti Libri
prezzo: € 18,60 (rilegato)

La scuola dei desideri


È l’inizio del nuovo anno scolastico. A St. Oswald, esclusivo collegio maschile nel nord dell’Inghilterra, si respira aria di cambiamenti. Con l’avanzare delle nuove tecnologie e di un’esasperante burocrazia le vecchie tradizioni sembrano destinate a soccombere. E così, l’anziano professore di latino Robert Straitley, un tempo direttore degli Studi classici, vede il suo ruolo ridimensionato, schiacciato dallo strapotere delle Lingue moderne, dell’informatica e deve cedere terreno alle nuove leve, insegnanti con poca esperienza e scarsa conoscenza degli allievi. Ma l’inizio dell’anno scolastico porta con sé altri contrattempi, ben più minacciosi.Tutto comincia con una serie di incidenti, dapprima insignificanti e quasi comici, poi sempre più gravi e inquietanti, tanto da mettere a rischio la sopravvivenza della scuola stessa. Straitley è l’unico che appare in grado di contrastare questo crescendo di violenza, perché conosce St. Oswald e la sua storia, e anche quei segreti che in molti non hanno voluto vedere per salvare il buon nome dell’istituto. Ma adesso il passato ritorna, sulla scuola incombe un’atroce vendetta e sarà proprio Straitley a impedire la rovina di St. Oswald ingaggiando una personalissima partita contro chi vuole distruggere l’antica istituzione.Acclamato dalla critica come uno dei migliori romanzi di Joanne Harris, La scuola dei desideri sorprende il lettore pagina dopo pagina. Sullo sfondo di un mondo chiuso ed elitario, popolato da personaggi spesso bizzarri e a volte inquietanti, la Harris tratteggia una torbida vicenda di ossessioni e bugie, tradimenti e gelosie fino al colpo di scena finale.L’autrice di Chocolat è bravissima nel dipingere l’universo della scuola, e i rapporti così importanti e così complessi tra i professori e i loro studenti.

-Hanno detto del libro:

“Assieme a Chocolat, questo è il miglior romanzo di Joanne Harris. Intelligente, appassionante, da non perdere.” ‘Library Journal’

“Una trama ipnotica… brividi a ogni pagina… Fino all’ultimo incredibile colpo di scena.” ‘The New York Times Book Review’

“Un thriller avvincente, arricchito dal tocco magico della Harris, congegnato con intelligenza, arguzia, e una grande atmosfera.” ‘Time Out’

“Una trama incalzante, un colpo di scena via l’altro, straordinario.” ‘Washington Post Book World’

-Dati libro:
titolo originale: ‘Gentlemen and players’
pubblicazione in lingua originale: 2005
pagine: 445
editore: Garzanti Libri
prezzo: € 16, 50 (rilegato)

Il fante di cuori e la dama di picche


La Londra vittoriana impazzisce per i quadri pre-raffaelliti. Tra i soggetti dipinti ossessivamente da Henry Chester ci sono bambine e ragazze. La sua modella preferita è Effie, che per lui incarna gli ideali di bellezza e purezza. Quando Chester l’ha ritratta per la prima volta, aveva solo nove anni, ma poi lui l’ha educata e plasmata, e ne ha fatto sua moglie. Infantile, bellissima, innocente, Effie sembra la sposa ideale, ma è spesso malata. Lenisce le sue sofferenze con il laudano e vive come sospesa tra il sogno e la realtà. La gabbia dorata in cui l’ha rinchiusa suo marito le sta sempre più stretta, c’è qualcosa dentro di lei che vuole venire alla luce. A risvegliare i fantasmi saranno l’incontro con un altro pittore, l’ambiguo e sensuale Moses, e l’amicizia con Fanny Miller, la maîtresse di una casa d’appuntamenti frequentata da Chester, a suo tempo teatro di un orribile delitto. La giovane donna sprofonderà così in un incubo pericoloso e terribile, dove la voce della ragione si perde nei labirinti del delirio e l’unico punto fermo sembrano l’amore e la sensualità.

-Hanno detto del libro:

“Un romanzo evocativo e ammaliante, un sogno sotto l’effetto del laudano.” Christopher Fowler, ‘Time Out’
“Con questo romanzo coraggioso e pieno di invenzioni, Joanne Harris conferma di essere uno degli scrittori inglesi più popolari... Nuovo e appassionante.” ‘Daily Mail’

-Dati libro:
titolo originale: ‘Sleep, pale sister’
pubblicazione in lingua originale: 1993, ripubblicato 2004
pagine: 391
editore: Garzanti Libri
prezzo: € 9,50 (brossura)

Profumi, giochi e cuori infranti


Quelle che Joanne Harris racconta nei suoi libri sono prima di tutto storie: appassionanti avventure vissute da personaggi che s’imprimono nella memoria, rivissute con il brio e la sapienza di un’autrice che padroneggia alla perfezione la sua materia e le più sottili tecniche di scrittura. Ma a colpire nei suoi libri è soprattutto la voglia e la capacità di comunicare, di stringere un patto di immediata simpatia con il lettore, anche quando affronta i lati oscuri dell’esistenza.In Profumi, giochi e cuori infranti il piacere del racconto torna con tutta la sua forza di seduzione: temi spesso curiosi e spiazzanti, narrati da voci ben caratterizzate e autentiche, situazioni sorprendenti che si dipanano in trame piene di invenzioni con sorpresa finale. Attraverso queste pagine s’inseguono streghe di periferia e croniste mondane, uomini-lupo e donne-delfino, due simpatiche vecchiette che fuggono dalla casa di riposo e una giovane coppia impegnata in un disastroso viaggio di nozze a Napoli, le assurde esagerazioni della moda per bambini e gli inventivi costumi dei fan del sadomaso...Non mancano numerose storie d’amore giocate sul filo del divertimento e della sorpresa. Ma Joanne Harris dichiara anche la propria passione per i western, la fantascienza e l’horror. La sua è una mente creativa in piena effervescenza, affascinata dal miracoloso e dal terrificante ma sempre pronta a stemperare la paura con l’ironia (o, a volte, con un graffiante humour noir). E al tempo stesso capace di gettare uno sguardo lucidissimo sulla realtà contemporanea e sulle assurdità della nostra vita quotidiana.

-Hanno detto del libro:

“Una delle narratrici inglesi più popolari… brillante e avvincente.” ‘Daily Mail’
“Piacevolissimo e divertente.” ‘Independent’“Una scrittura di grande godibilità.” ‘Observer’

-Dati libro:
titolo originale: ‘Jigs & reels’
pubblicazione lingua originale: 2004
pagine: 248
editore: Garzanti Libri
prezzo: € 8,50 (brossura)

La donna alata


Quella di Juliette è una giovinezza avventurosa e movimentata. Allevata dagli zingari, si è unita alla compagnia girovaga guidata dall’irresistibile Guy LeCorbeau. A sedici anni Juliette se ne innamora e lo segue. Finché, tradita dall’amante e stanca per le continue traversie, non si rifugia con sua figlia Fleur nell’Abbazia di Sainte-Marie-de-la-Mer, un piccolo convento isolato dal resto del mondo, a due miglia dall’Atlantico. Ma la morte dell’anziana badessa, sostituita da una bambina di soli dodici anni, e l’inatteso ritorno di LeCorbeau, portano nuovi guai.

-Dati libro:
titolo originale: ‘Holy fools’
pubblicazione lingua originale: 2003
pagine: 385
editore: Garzanti Libri
prezzo: € 8,50 (brossura)

La spiaggia rubata


Le Devin è una minuscola isola al largo delle coste della Vandea, segnata da venti, correnti e maree. Sull’isola ci sono solo due paesi, divisi da una lunga rivalità. Il primo, Les Salants, è un povero villaggio di pescatori e marinai dove la vita scorre uguale da secoli. L’altro, La Houssinière, si è arricchito grazie ai turisti: il merito è di una splendida spiaggia, Les Immortelles, ma anche dello spregiudicato imprenditore Claude Brismand.La giovane Mado è nata e crescita a Les Salants. Poi, come molti ragazzi, se n’è andata sulla terraferma. È rimasta a lungo a Parigi, a cercar fortuna come pittrice, ma ora è tornata. Porta con sé qualche vittoria e diverse sconfitte, una grande forza e un po’ di mistero, e soprattutto la voglia di ritrovare suo padre, GrosJean, che ha costruito molte delle più belle barche dell’isola.L’intuito e lo spirito d’iniziativa di Mado travolgeranno la vita e i ritmi di Le Devin. Con l’aiuto del misterioso e affascinante Flynn, che si è rifugiato nel bunker costruito dai tedeschi durante la Seconda guerra mondiale, e grazie all’«aiuto» della santa Marine-de-la-Mer, riuscirà a compiere un autentico miracolo. Ma quel prodigio sarà solo l’inizio di una vicenda ricca di colpi di scena, che trasformerà per sempre l’isola e i suoi abitanti – e sconvolgerà i progetti di Mado. La prosperità di Les Salants provocherà infatti una serie di conseguenze impreviste e riporta alla luce i segreti del passato.

-Dati libro:
titolo originale: ‘Coastliners’
pubblicazione lingua originale: 2002
pagine: 430
editore: Garzanti Libri
prezzo: € 9,00 (brossura)

Cinque quarti d'arancia


Framboise Dartigen aveva solo nove anni quando gli occupanti nazisti arrivarono a Les Laveuses, il paesino sulle rive della Loira dove viveva con la mamma e i fratelli maggiori Cassis e Reinette. In quei giorni sospesi tra la fiaba crudele dell'infanzia e la tragedia della storia accadde qualcosa di terribile. Ora Framboise, che è ormai una donna matura, è tornata a vivere nella vecchia fattoria, ma in incognito. Il segreto di quegli anni lontani non deve assolutamente venire alla luce.


-Hanno detto del libro:

“Il dono di un talento fresco, felicemente inconscio di sé. Il cibo e la scrittura in un connubio che giova a entrambi.” Elena Löwenthal, ‘La Stampa’


-Dati libro:
titolo originale: ‘Five quarters of the orange’
pubblicazione lingua originale: 2001
pagine: 405
editore: Garzanti libri
prezzo: € 8,50 (brossura)

Vino, patate e mele rosse


Anche il vino può avere delle storie da raccontare, a chi sta ascoltando. La strana alchimia della fermentazione alcolica cattura segreti, progetti, amori, tradimenti… specie se i vini sono magici come quelli che produce Joe Cox con patate, mele rosse e altri frutti misteriosi. La sua presenza guida il protagonista Jay Mackintosh, scrittore trentacinquenne in crisi, in un viaggio sull’onda della memoria. Jay, infatto, alle prese con un nuovo libro che non decolla e un rapporto amoroso che si sta sfasciando, decide di abbandonare Londra per trasferirsi in un paesino del sud della francia, in una fattoria circondata da fiori e giardini. Lì prova la strana sensazione della presenza di Joe Cox, che aveva conosciuto da bambino, durante le vacanze, quando aveva incontrato anche una giovane zingara, Jilly, e aveva lottato con Zeth e la sua banda di sbruffoni. Inizia così il viaggio di Jay alla ricerca di se stesso e dell’amore: a guidarlo sarà Marine, la donna che il destino gli ha fatto incontrare.

-Dati libro:
titolo originale: ‘Blackberry wine’
pubblicazione lingua originale: 2000
pagine: 364
editore: Garzanti libri
prezzo: € 9,00 (brossura)

Chocolat


È martedì grasso quando, a Lansquenet-sous-Tanne, un villaggio al centro della Francia, arrivano Vianne Rocher e sua figlia Anouk. La donna, originale, sexy e misteriosa, rileva una vecchia pasticceria per trasformarla nella Celeste Praline, una cioccolateria che, ben presto, diviene, agli occhi del curato, un elemento di disordine.
Grazie al contributo della stessa Vianne, il tranquillo e placido paesino si trasformerà in un miscuglio di disordini, ribellioni e felicità, e a padre Reynauld non resterà che dichiarare guerra alla nuova nemica ma… chi riuscirà a vincere? I Benpensanti o i golosi?


-Hanno detto del libro:

“Avvincente quasi come il banchetto di Trimalcione e istruttivo come l’Artusi.” Marina Gersony, ‘Il Giornale’

“Piacerà alle lettrici anche per questo: perché le pagine più belle sono quelle che inneggiano alla golosità e l’autorizzano.” Carmen Covito, ‘Corriere della Sera

“Un libro della felicità che può dare il cibo.” Maria Luisa Agnese, ‘Specchio della Stampa’

“Un libro che odora di dolci e zucchero, dove il piacere del cibo irrompe con forza.” Daniela Fabbri, ‘La repubblica delle Donne’


-Dati libro:
titolo originale: ‘Chocolat’
pubblicazione lingua originale: 1999
pagine: 338
editore: Garzanti
prezzo: € 16,60 (edizione con copertina rigida), € 9,00 (edizione economica in brossura)

venerdì 18 gennaio 2008

Benvenuti

Benvenuti, dunque, in questo piccolo fazzoletto di cybermondo dove, se io ci riesco, ho intenzione di creare una sottospecie di angolo informativo per quel che riguarda Joanne Harris e i libri da lei scritti.

Mia intenzione sarebbe aggiungere di tanto in tanto schede libri, interviste, news e recensioni riguardanti questa bravissima scrittrice, con lo scopo di informare chiunque sia interessato. Girovagando per il web ho infatti notato che non ci sono siti del genere per quel che riguarda il cantone italiano.

Spero di poter far nascere qualcosa di carino.